Diagnostica per l’arte anche in Azerbaijan

La YOuth in COnservation of Cultural heritage è un’associazione nata sei anni fa con il dichiarato intento di mettere in contatto e creare un vero e proprio network tra i giovani professionisti e ricercatori che, seppur in settori diversi, operano nel vasto ambito dei beni culturali. I primi tre convegni si sono tenuti tra l’Italia e il Belgio (Roma 2008, Palermo 2010 e Antwerp 2012), mentre per l’edizione 2014 la scelta è caduta sulla città di Agsu, in Azerbaijan, che, sia su un piano concreto che simbolico, indica la volontà di creare nuovi rapporti di studio e collaborazione estesi anche ai Paesi di lingua russa e a tutto il Medio-Oriente.
I convegni rappresentano infatti un momento necessario e ineguagliabile di confronto e di condivisione dei risultati del proprio lavoro finalizzato a un interesse collettivo e alla promozione di studi interdisciplinari (chimica, fisica, biologia, restauro, archeologia, architettura).
yococu_sitoF. Alberghina, L. Damiani, S. Schiavone hanno partecipato con l’intervento (firmato anche da Art-Test Firenze) “How many layers of what? An integrated non invasive approach for the understanding of painting’s stratigraphy” durante la sessione dedicata a “Pigments and Paintings”.
Per conoscere YOCOCU e i dettagli del programma: http://www.yococu.com/