Pensavo fosse un Boetti… invece era un calesse

Nov 15, 2020 | Autenticazioni ed attribuzioni, In rilievo

Va da sé che la certezza di autenticità è un indispensabile prerequisito per un’opera d’arte ed è ciò che permette al collezionista, in certi casi insieme a una certa quantità di valeriana, di dormire sonni tranquilli.

Possiamo solo immaginare quanto sia stato brusco il risveglio dell’acquirente che, a dieci anni dall’acquisto di un arazzo di Alighiero Boetti (1940-1994) su Telemarket Spa, ha scoperto di avere tra le mani un falso!!

Prima che cominciate a guardare con sospetto il ritratto di gentiluomo che avete esposto in sala e a dubitare dell’Uovo Fabergé che custodite nello stipo, vi informiamo che può esserci un lieto fine, almeno dal punto di vista della rivalsa sul falsario o rivenditore, come è accaduto in questo caso.

Il consiglio che non ci stancheremo mai di darvi è di richiedere una autenticazione valida e una cartella diagnostica completa prima dell’acquisto!

admin

Latest Tweets

Contact us

We are here to answer any question you may have about our services. We will respond as soon as we can.

RELATED POSTS

0 commenti