Ci vediamo a … Mosca!

Lug 28, 2021 | Autenticazioni ed attribuzioni

Da 25 giugno 2021 è aperta a Mosca la mostra “Siena all’alba del Rinascimento. Pittura dalle collezioni della Pinacoteca nazionale di Siena, dall’Archivio di Stato di Siena, da altri musei della Toscana e dal Museo Puškin“, curata da Vittoria Markova e Elena Rossoni, ed in programma fino al 3 ottobre 2021

La Pinacoteca Nazionale di Siena trasferisce eccezionalmente a Mosca alcuni suoi capolavori, per  consentire al pubblico moscovita di percorrere l’età d’oro della sua pittura

A queste opere,  e alle biccherne provenienti dall’Archivio di Stato di Siena, si aggiungono alcuni altri importanti dipinti provenienti dal Museo Nazionale di San Matteo di Pisa e dal Museo Nazionale d’Arte Medioevale e Moderna di Arezzo.

La mostra presenterà la scuola medievale senese, raccontandone l’evoluzione dal XIII al XV secolo e la sua eccezionale importanza nel periodo immediatamente precedente il Rinascimento.

Per lo spettatore russo sono di particolare importanza i legami con la pittura bizantina, da cui la pittura senese prende origine ma presto si diparte; mentre fu in questo periodo che ebbe luogo la fioritura della pittura di icone in Russia, che continuò a rimanere fedele alla tradizione.

Anche Pushkin State Fine Art Institute ha opere importantissime della pittura senese del XIV-XV secolo, comec”Crocifissione” di Segni di Bonaventura, due parti del polittico Sansepolcro di Sassetta, oltre a opere di Andrea di BartoloSano di PietroMatteo di GiovanniGuidoccio Cozzarelli, Bernardino Fungai e altri maestri.

E’ principalmente a Duccio di Buoninsegna, contemporaneo di Giotto e fondatore della tradizione artistica locale, le cui attività sono documentate dal 1278, che si deve l’innovazione della produzione artistica a Siena. Nelle sue opere si trova ancora uno stretto legame con l’arte di Bisanzio e allo stesso tempo c’è una tensione diversa, la cui eleganza lascerà una traccia indelebile nell’arte senese. 

A volte per dettagli che adesso a noi paiono quasi irrilevanti.

Si veda ad esempio la piccola tavola della Madonna dei Francescani, opera destinata probabilmente alla devozione privata.

Si noti il disegno della stoffa della tenda sorretta dagli angeli.

Fu grazie ai dipinti come questo che vennero veicolati i disegni geometrici bizantini e islamici, dei tessuti commerciati inizialmente con il sud e Venezia per poi raggiungere tutti i centri di potere occidentali.

Il motivo a stelle e croci fu raffigurato nei tessuti dipinti da molti artisti, fra i quali Giotto e, appunto, Duccio.

La mostra fa parte di un ampio programma di gemellaggio tra musei in Russia e In Italia, annunciato dai ministeri della Cultura di entrambi i Paesi per il 2021-2022.

Se volete approfondire la pittura senese, Art-Test, in collaborazione con la Pinacoteca di Siene, ha realizzato un database con oltre 100 dipinti, dove oltre alle schede per ogni opera, sono presenti i dati diagnostici, come radiografieriflettografie, analisi del colore.

Tutto quello che serve per un confronto scientifico, uno studio approfondito e attribuzioni con basi solide!

Contattateci per saperne di più a info@art-test.com!

admin

Latest Tweets

Contact us

We are here to answer any question you may have about our services. We will respond as soon as we can.

RELATED POSTS

0 commenti