L’uomo piu’ brutto di Firenze

Gen 17, 2022 | Art-Test notizie

Il 1 dicembre 1328 Giotto arriva a Napoli, alla corte del re di Sicilia Roberto d’Angiò.

L’artista riceve a corte un trattamento economico del tutto inusitato nel resto d’Italia e d’Europa: uno stipendio, una casa, una pensione vitalizia, regali, e infine il titolo di “familiare” del re, concesso in genere ai vescovi, ai banchieri e ai grandi ufficiali del regno.

 Si afferma infatti per la prima volta con Giotto, che pure era di umili natali, il ruolo sociale dell’artista che è in grado di contribuire in modo decisivo alla costruzione dell’immagine e della politica culturale di un sovrano, e per questo viene pagato.

Giotto, già esaltato da Dante e di qui a poco da Petrarca e da Boccaccio come “principe” fra i pittori del suo tempo, è un artista straordinario, un rivoluzionario.

Per Cennino Cennini: “Rimutò l’arte di greco in latino e ridusse al moderno” alludendo al superamento degli schemi bizantini e all’apertura verso una rappresentazione che introduceva il senso dello spazio, del volume e del colore anticipando i valori dell’età dell’Umanesimo.

admin

Latest Tweets

Contact us

We are here to answer any question you may have about our services. We will respond as soon as we can.

RELATED POSTS

Silvia Fiaschi

Silvia Fiaschi

Come sei diventata restauratrice? Quale è stato il tuo percorso formativo? Fin dalle elementari ho mostrato una certa predisposizione al disegno e alla manualità che la mia famiglia ha sempre appoggiato iscrivendomi a corsi privati di pittura. Fondamentale è stata per...

L’oro verde

L’oro verde

Giovanni di Paolo (1435 circa) Quanto è "naturale" la campagna? Come è cambiata nei secoli e perchè? Per rispondere a queste domande sono utili anche i dipinti, istantanee del tempo che fu. All’inizio del Quattrocento, Luca del Sera, socio di Francesco di Marco...

0 commenti