Testimone oculare

Gen 17, 2021 | Art-Test notizie, In rilievo, Patrimonio Culturale, Restauro

Altro che anni bui! L’arte al tempo di Dante.. era a colori!

Abbiamo da poco salutato lo sfortunato anno dedicato a Raffaello nel 500° anniversario della sua morte e siamo pronti ad abbracciare il 2021 che in Italia e nel mondo sarà l’anno delle celebrazioni dantesche, a settecento anni dalla morte del sommo poeta. Sarà un anno ricco di mostre, produzioni teatrali, cicli di incontri, letture e convegni a cui sarà possibile partecipare on line se non dal vivo, che celebreranno Dante e l’arte del suo tempo.
Per quanto sia diffusa la definizione scolastica di Medioevo come “periodo buio”, possiamo asserire con convinzione che l’arte a Firenze al tempo di Dante fu tutt’altro che buia, anzi! Fu sfolgorante nei colori e straordinariamente fiorente nelle sue tante declinazioni: dalla pittura su tavola alla scultura, dall’intaglio ligneo alla decorazione musiva, dalla miniatura all’oreficeria. Un’arte ricca di simbologie laiche e profane, dove la forma e il contenuto diventavano un tutt’uno per trasmettere i concetti attraverso le immagini.
Art-Test ha avuto il piacere di partecipare allo studio del cenotafio di Guillaume Bertand de Durfort, conte francese di Artois, giunto in Italia come tutore militare e consigliere di Aymeric de Narbonne a servizio del re di Napoli Carlo II d’Angiò che cadde durante la famosa battaglia nella piana di Campaldino, a cui prese parte lo stesso Dante.
Le spoglie del conte furono portate a Firenze e tumulate nella Chiesa della Santissima Annunziata, dato il legame spirituale tra il condottiero e il neonato Ordine dei Servi di Maria. L’opera, attribuita ad un artista di cultura bizantina, si caratterizza per il classicismo sobrio e pienamente assorbito, per un’ampia definizione del volto espressivo seppur impassibile e per l’eleganza delle cornici modanate. E, a proposito di arte sfolgorante nei colori, è interessante sottolineare che le indagini diagnostiche hanno rivelato che l’opera (nella foto prima del restauro) era originariamente policroma!

admin

Latest Tweets

Contact us

We are here to answer any question you may have about our services. We will respond as soon as we can.

RELATED POSTS

Francesca Lotti

Francesca Lotti

Come sei diventata restauratrice? Quale è stato il tuo percorso formativo? Ho sempre avuto il pallino di recuperare, accomodare, conservare, in più son figlia d'arte: ho mangiato latte e gesso da piccina! Studi di arte, una bella scuola di Restauro Dipinti della...

Il re dei calcinacci

Il re dei calcinacci

Proprio in questi giorni, che a Firenze vedono celebrare l’antiquariato al suo massimo livello nella Biennale ospitata a Palazzo Corsini, ci piace ricordare che proprio 100 anni fa a Firenze, Il 12 settembre 1922, moriva Stefano Bardini (1836-1922), colui che può...

0 commenti