Lo sdegno dello Spedalingo

Gen 30, 2021 | Art-Test notizie, Patrimonio Culturale

Era il 30 gennaio 1518, quando Leonardo Buonafede, “spedalingo” ovvero rettore dell’ospedale di Santa Maria Nuova di Firenze, commissionò a Giovan Battista di Jacopo di Gasparre, promettente artista di umili origini, senza un vero cognome e detto il Rosso Fiorentino (Firenze, 8 marzo 1494 – Fontainebleau, 14 novembre 1540) una Sacra Conversazione con la Madonna e il Bambino circondati da Santi: san Giovanni Battista, sant’Antonio abate, santo Stefano e san Girolamo.

La consegna era prevista per giugno dello stesso anno e la cifra pattuita era 25 fiorini d’oro larghi.

Vasari ci narra che però lo Spedalingo vedendo la tavola abbozzata rimase fortemente deluso: stabilì che i Santi sembravano piuttosto “diavoli”, e così”fuggì di casa e non volle la tavola, dicendo che [il Rosso] lo aveva giuntato [cioè preso in giro]”.
Ma tutto ha un prezzo: la controversia venne risolta con il decurtamento di 9 fiorini del compenso per il pittore, quasi il 40% di sconto.

La pala tuttavia non raggiunse mai la Chiesa di Ognissanti. Era comunque troppo inquietante, nonostante, probabilmente, qualche correzione alle espressioni dei volti che, secondo Vasari, il Rosso all’inizio faceva sempre “crudeli e disperate”, addolcendole poi prima della consegna.

Lo Spedalingo ritenne fosse meglio inviarla in una chiesetta di proprietà dell’ospedale, dedicata a Santo Stefano, tra le montagne del Mugello.

Nel dipinto venivano di fatto introdotti molti elementi innovativi, primo fra tutti è l’eliminazione di ogni forma gerarchica fra la Vergine e i Santi: la Madonna non è posta in alto in una posizione dominante, ma sta al pari dei Santi, e le figure sono compresse in uno spazio ristretto, senza la cornice elegante di una architettura o un paesaggio paradisiaco a creare l’atmosfera.

I rilievi di Donatello nei pulpiti della Passione e della Resurrezione in San Lorenzo probabilmente ispirarono il Rosso nella creazione degli effetti spigolosi e scabri usati per la raffigurazione dei corpi maschili. Questi hanno i volti incupiti, ombreggiature profonde e scavate nelle carni, con sguardi inquieti e inquietanti, accentuati una marcata gestualità. Del resto, queste caratteristiche di esasperata espressività dei visi, si ripresenteranno anche in opere successive del Rosso.

Tuttavia, dobbiamo fare attenzione: l’accentuazione delle ombre sotto gli occhi in Gesù, così poco naturale, è in realtà dovuta al riemergere di un pentimento, corretto probabilmente quando furono modificati i Santi. Si riscontrano anche altri ripensamenti in corso d’opera: ad esempio nel volto del Bambino sono visibili ben 4 occhi.

Non si può rimanere indifferenti a questo dipinto, di fronte a questi corpi scarnificati ed allungati, con volti quasi grotteschi, e che però sono accompagnati dalla dolcezza dei piccoli angeli in primo piano e dalla grande ricchezza cromatica con tinte brillanti e cangianti.

Nonostante lo sdegno dello Spedalingo, quest’opera è oggi una delle più importanti dell’arte fiorentina del Cinquecento, ed è oggi conservata agli Uffizi e i piccoli angioli lettori tra le immagini più incantevoli di tutta l’arte occidentale.

Art-Test ha indagato un’altra piccola deliziosa opera del Rosso degli Uffizi: Ritratto di Giovinetta, ma chissà cosa non si scoprirebbe sotto la pittura della Pala!

admin

Latest Tweets

Contact us

We are here to answer any question you may have about our services. We will respond as soon as we can.

RELATED POSTS

Il re dei calcinacci

Il re dei calcinacci

Proprio in questi giorni, che a Firenze vedono celebrare l’antiquariato al suo massimo livello nella Biennale ospitata a Palazzo Corsini, ci piace ricordare che proprio 100 anni fa a Firenze, Il 12 settembre 1922, moriva Stefano Bardini (1836-1922), colui che può...

0 commenti